27 GENNAIO 2021 - Giorno della Memoria

Cari soci e amici del GRS, quest'anno in occasione del “Giorno della memoria” non sarà possibile organizzare una serata in presenza come ormai facevamo da diversi anni.
Non ci sembrava giusto tuttavia lasciare passare questo importante appuntamento senza un ricordo e una riflessione del GRS su quei terribili avvenimenti. Come Direttivo abbiamo perciò pensato di fare una sintesi dei materiali che in questi anni siamo andati raccogliendo e che ci hanno permesso di raccontare almeno in parte come Breganze e i breganzesi siano stati coinvolti in modo diretto dalla Shoah.
Abbiamo così preparato un documento che potete leggere collegandovi al link sotto riportato in cui troverete anche il collegamento all'intervista rilasciata negli anni '90 da Charles Lorant (1932-2001) che, all'età di nove anni, fu internato a Breganze fra il 1941 e il 1943. Inoltre abbiamo voluto riportare, come ulteriore elemento di riflessione, anche la lettera che la moglie e i figli di Charles ci hanno inviato in occasione della serata organizzata per il “Giorno della memoria” 2019. Buona lettura a tutti.

Il Direttivo

LINK PER IL DOWNLOAD

(Sulla pagina che si aprirà, clicca sull'icona    in alto a destra per salvare il file sul tuo dispositivo)

 



10 Agosto 2020 - 175° Anniversario della nascita di Pietro Laverda

Il 10 agosto di 175 anni fa nasceva Pietro Laverda Sr. fondatore della azienda che ancora oggi produce macchine per l'agricoltura nella sede di Breganze.  La sua  storia  assieme a quella della sua famiglia e della sua impresa, si è intrecciata con quella di Breganze e dei  suoi abitanti, non solo perché in molti alla Laverda hanno lavorato, ma anche perché l'intero tessuto economico, sociale e urbanistico del paese ne è stato fortemente influenzato. Per questo ci pare giusto ricordare questo anniversario (fra l'altro quest'anno ricorrono anche i 90 anni dalla sua  morte) pubblicando sul nostro sito un PDF messoci a disposizione da Piergiorgio Laverda presidente dell'Associazione Archivio Storico Laverda che ringraziamo.

LINK PER IL DOWNLOAD

(Sulla pagina che si aprirà, clicca sull'icona    in alto a destra per salvare il file sul tuo dispositivo)

 

25 Aprile 2021- 76° Anniversario della Liberazione d'Italia

Nell'Anniversario della Liberazione proponiamo ai nostri soci e a tutti i cittadini alcuni documenti relativi alla storia locale del periodo '43-'45. Per chi volesse approfondire le vicende del periodo resistenziale a Breganze ricordiamo gli articoli che sono apparsi nei Quaderni Breganzesi n. 6; n. 27; n. 28; n. 29 e n. 30.

Il primo documento è la versione digitale del libro Una fabbrica in guerra. La Laverda Macchine Agricole durante l'occupazione tedesca, settembre 1943 – aprile 1945, a cura di Piergiorgio Laverda che presiede l'Associazione “Archivio Storico Pietro Laverda” a cui va il nostro ringraziamento per averlo messo a disposizione del GRS.

Introduzione al libro “Una fabbrica in guerra”

In occasione dei 70 anni dalla Liberazione dell’Italia dall’occupazione tedesca e dalla dittatura fascista avevo pubblicato il libro “Una fabbrica in guerra, la Laverda Macchine Agricole durante l’occupazione tedesca, settembre 1943-aprile 1945”.

Si trattava di una prima ricostruzione degli avvenimenti di quei venti mesi nella fabbrica breganzese, basata sul consistente archivio documentale fortunosamente conservatosi e che rappresenta un caso particolare quanto raro nel panorama degli archivi industriali vicentini e veneti. Era mia intenzione ampliare ed approfondire la ricerca con una nuova pubblicazione, inserendo quanto da me pubblicato nell’ultimo numero di “Quaderni Breganzesi” oltre ad altri approfondimenti fatti nel frattempo. Purtroppo l’evolversi dell’emergenza Corona Virus e le relative conseguenze e restrizioni hanno sconsigliato di avventurarsi nella stampa di un nuovo libro.
Ho pensato comunque di rendere accessibile gratuitamente, a quanti non lo conoscessero, il mio libro del 2015, andato presto esaurito, proponendolo in versione digitale scaricabile in formato PDF.
A suo completamento, anche per rendere più viva e completa la ricostruzione di quei mesi drammatici, ante e post Liberazione, vi invito a rileggere l’articolo sul Quaderno n. 31 del 2018 “Una fabbrica solidale”.
Buona lettura
Piergiorgio Laverda

LINK PER IL DOWNLOAD

(Sulla pagina che si aprirà, clicca sull'icona    in alto a destra per salvare il file sul tuo dispositivo)


 Il secondo documento che proponiamo proviene dalla mostra:

 Uomini in armi. Breganzesi sui campi di battaglia dal 1848 al 1945

La mostra venne allestita dal GRS nel 2003 in contemporanea con l'uscita del n. 14 dei "Quaderni Breganzesi” e ne proponiamo i sei pannelli relativi al periodo '43-'45. Essi riportano i principali avvenimenti di quel periodo, i nomi dei caduti e numerose immagini del periodo resistenziale a Breganze. I curatori dell'articolo e della mostra furono Ivone Fraccaro, Claudio Sperotto, Sergio Carrara, Piergiorgio Laverda e Flavio Bortoli.

 

Terzo documento: La vicenda storica di Antonio Gnata, il "Piccolo partigiano" breganzese.

 Proponiamo questo link al video “Assassini, assassini!” relativo alla commemorazione del nostro concittadino Antonio Gnata, giovane partigiano di Maragnole fucilato dai fascisti in piazza ad Asiago nel settembre del 1944. La commemorazione si svolse il 25 aprile del 2018, a cura del Comune di Asiago, sul luogo della fucilazione, oggi chiamato “Piazzetta del Partigiano” laddove già sorgeva la lapide in memoria di Antonio e dove sono stati collocati alcuni pannelli che ne ricostruiscono la vita e la tragica morte, con la testimonianza di Emma Stella ricostruita da Giorgio Spiller. Questi pannelli furono curati dal GRS e realizzati dall'ANPI con il contributo della “Fondazione Mons. Camillo Faresin” di Maragnole. La vicenda di Antonio è raccontata nel n. 28 (novembre 2015) dei Quaderni Breganzesi.

Test


QUARTO DOCUMENTO: L'ULTIMO CADUTO 

Il 29 aprile del 1945 a Breganze in via Castelletto veniva falciato da una raffica di mitra tedesca Giovanni Graziani, giovane partigiano, l'ultimo caduto breganzese della guerra di liberazione dal nazifascismo. Per ricordare quegli avvenimenti, qualche anno fa il GRS organizzò  alcune serate in biblioteca. In tale occasione la famiglia Graziani ci fece dono delle preziose fotografie che documentano la grande partecipazione dei cittadini ai funerali avvenuti il primo maggio. Le riproponiamo oggi con un breve ricordo della figura di Giovanni.

 

LINK PER IL DOWNLOAD

 

(Sulla pagina che si aprirà, clicca sull'icona    in alto a destra per salvare il file sul tuo dispositivo)


Testo di Prova